Il supporto al PEER

IL SUPPORTO AL PEER: generalità

A seguito dell’incidente aereo Germanwings, come già anticipato, fu necessario per l’ente Europeo EASA (European Authority for Aviation Safety), concretizzare e rafforzare le norme riguardanti la salute mentale degli equipaggi.

 

Luglio 2018
Fu emanato Il regolamento Europeo (EU) di cui al punto 2:

L’Agenzia europea per la sicurezza aerea («l’Agenzia») ha individuato un certo numero di rischi per la sicurezza e ha formulato una serie di raccomandazioni per attenuare tali rischi. L’attuazione di alcune di queste raccomandazioni esige modifiche normative per quanto riguarda la valutazione psicologica dell’equipaggio di condotta prima di intraprendere voli di linea, la realizzazione di un programma di sostegno per gli equipaggi di condotta, l’esecuzione da parte degli Stati membri di test alcolemici casuali sui membri degli equipaggi di condotta e di cabina e l’esecuzione da parte degli operatori aerei commerciali di test sistematici per il rilevamento di sostanze psicoattive nei membri degli equipaggi di condotta e di cabina.

(fonte:https://www.psy.it/wp-content/uploads/2019/06/opuscolo-completo.pdf)

04 marzo 2018
Nel regolamento medico dell’Ente Nazionale per l’aviazione civile viene emessa la circolare:

“Organizzazione sanitaria e certificazioni mediche d’idoneità per il conseguimento delle licenze e degli attestati aeronautici”, di cui:

Nelle della definizione da parte di EASA dei requisiti specifici per l’implementazione dei principi e delle procedure dei programmi di supporto tra pari (Peer Support Program).

page7image1726389040

ENAC promuove e sorveglia, attraverso la pubblicazione di adeguati strumenti normativi (circolari e materiale guida), l’attivazione dei suddetti programmi da parte degli operatori aerei e dei fornitori dei servizi di assistenza al volo. Questo al fine di assistere e guidare il personale di volo e controllore del traffico aereo verso un adeguato programma di sostegno e di aiuto a seguito di eventi significativi, in conseguenza dei quali vi siano dubbi circa la sicurezza delle prestazioni professionali o la salute mentale del soggetto. Sono da considerarsi importanti aree tipiche di intervento, ai fini del presente comma, quelle relative alle problematiche con potenziale impatto rilevante sulle prestazioni professionali dell’individuo quali:

a) uso e abuso di alcol, sostanze psicotrope e stupefacenti;
b) fattori di stress mentale / emozionale derivanti dal vissuto quotidiano; c) possibili traumi conseguenti a incidenti critici.

(fonte: https://www.psy.it/wp-content/uploads/2019/06/opuscolo-completo.pdf)

LE CAUSE DELLO STRESS

Comprendere il contesto in cui il personale navigante opera è fondamentale.

Tra le maggiori cause:

  • fattori stressanti psicosociali,
  • fatica intesa come incapacità di portare a termine il proprio compito dettata a suo volta da fattori psicofisici e ambientali,
  • crisi sottolineate da condizioni lavorative.

Definizione del programma di supporto al peer

Il programma di supporto al PEER può essere definito in questo modo:

“Peer support in mental health care may be defined as “offering and receiving help, based on shared understanding, respect and mutual empowerment between people in similar situations” (Mead et al., 2001)

L’efficacia di aiutare sentendosi comunque tutelati e aiutati reciprocamente, ha conseguenze notevoli in materia di rafforzamento dell’autostima, della fiducia e della capacità di sentirsi parte di una comunità lavorativa.

Il Peer ha l’obbligo dell’ascolto attivo rimanendo in stretto contatto con lo Psicologo che garantirà  la sicurezza degli interventi e prenderà in gestione il caso qualora il peer non fosse più in grado di gestirlo.

Selezione del PEER

Il peer si offre volontariamente, tuttavia la selezione prevede alcuni punti indicativi da rispettare nella scelta del peer.

Gli aspetti da osservare spaziano dalla riservatezza all’empatia, dal non giudizio fino a toccare temi come il team working

Il ruolo dello psicologo

La figura dello psicologo è fondamentale nella formazione dei pari in qualità di supporto e sostegno dei pari stessi evitando il sovraccarico di emozioni e stress ed intervenendo qualora il ruolo del peer non sia abbastanza.

Questo implica un accurato studio dell’ambiente lavorativo e dei fattori di stress che possono intaccare il benessere psicofisico e il corretto funzionamento della struttura.